lunedì 14 marzo 2011

Un saluto al nucleare...

9 commenti:

il.giack ha detto...

Non essere volgare...non così poco.

Tanobas ha detto...

condivido il saluto :D

Sergio ha detto...

Ottimo! :-)

Finello ha detto...

Dopo i fatti Giapponesi il nostro governo ha deciso di andare avanti.
Stefania Prestigiacomo, definisce «macabre e strumentali» le polemiche del dopo il terremoto, nel frattempo la nube tossica è arrivata a 100Km da Tokyo ed il governo nipponico chiede aiuto all'agenzia mondiale sul nucleare.

Melenella ha detto...

Condivido!

Vincenzo ha detto...

il problema e' che l'italia e' zona sismica, praticamente tutta! peraltro, i siti scelti non mi sembrano distinguersi per sicurezza, ma ho idea che rispondano alle solite logiche (mafia, camorra, appalti, tangenti e mi raccomando non tocchiamo la padania)

Melenella ha detto...

@ Vincenzo: diciamo che, anche se l'Italia non avesse il problema sismico che ha, non mi fiderei della gestione degli appalti per la costruzione delle centrali e della gestione delle scorie vista la serietà e la trasparenza proprie di questo bel paese...

Vincenzo ha detto...

se i costruttori che hanno realizzato la casa dello studente de L'Aquila o anche solo il monumento di Toyo Ito di Pescara (un fantastico tecnologicissimo bicchiere di vetro installato nella piazza principale ma imploso al primo freddo, che fa bella mostra di se', messo in sicurezza ma in frantumi ancora oggi in piazza)... insomma se questi sono i costruttori... non ci sono criteri anti-sismici che tengano...

Finello ha detto...

:DDDDDD
il cemento della centrale con la sabbia di mare.